OSCAR 2015 NOMINATION

6 Posted by - gennaio 16, 2015 - Cinema

Birdman di Alejandro González Iñárritu e Grand Budapest Hotel di Wes Anderson sono i front-runner degli 87esimi Academy Awards con 9 nomination. Boyhood ne ottiene 6 così come American Sniper di Clint Eastwood. Sono 5 le nomine per Interstellar di Chris Nolan.

Birdman di Alejandro G. Iñárritu

Birdman di Alejandro G. Iñárritu

Freschi vincitori ai Golden Globe, Richard Linklater e il suo Boyhood (la recensione del film la trovate qui) restano i favoriti per la notte degli Oscar, che si terrà a Los Angeles il prossimo 22 febbraio. Dovrà però guardarsi le spalle dall’opera meta-cinematografica Birdman di Alejandro G. Inarritu e dal biopic su Alan Turing The Imitation Game con Benedict Cumberbatch, che ha ottenuto 8 nomination, molte delle quali nelle categorie chiave come miglior film, miglior regista, attore e sceneggiatura non originale. Birdman, film di apertura dello scorso Festival di Venezia, ottiene il numero più elevato di menzioni, nove, insieme al gioiello di Wes Anderson Grand Budapest Hotel, che però manca la nomination in una categoria attoriale.

Ethan Hawke, Ellar Coltrane, Lorelei Linklater, Patricia Arquette e Richard Linklater di Boyhood

Il cast e il regista di Boyhood

Sono complessivamente otto i film che corrono come Best Picture; figurano anche il controverso American Sniper di Clint Eastwood; The Theory of Everything di James Marsh, il sorprendente Whiplash (in uscita il 12 febbraio) del quasi esordiente Damien Chazelle con ben 5 nomination (e un J.K. Simmons lanciatissimo verso la statuetta come miglior attore non protagonista) e Selma (in arrivo sempre a febbraio nelle sale italiane) della regista Ava DuVernay, film sulla stagione dei diritti civili in America la cui esclusione in altre categorie – ha ottenuto solo un’altra nomination come miglior canzone – sta facendo discutere i critici americani. Esclusi dalla corsa – come da previsione – Interstellar di Christopher Nolan, Gone Girl – L’amore bugiardo di David Fincher e Unbroken di Angelina Jolie (3 nomine, una per il mitico direttore della fotografia Roger Deakins). Il film di Nolan si può comunque consolare con 5 nomination, tra cui colonna sonora e scenografie. Il thriller di David Fincher è ricordato solo dall’eccezionale performance di Rosamund Pike, candidata come miglior attrice protagonista.

Non c’è Clint Eastwood tra i candidati a Best Director: ad affiancare Morten Tyldum, regista di The Imitation Game, Richard Linklater, Wes Anderson e Alejandro G. Inarritu, ci sarà allora Bennet Miller per Foxcatcher, che conquista nomination pesantissime – l’attore protagonista Steve Carell, quello non protagonista Mark Ruffalo, sceneggiatura originale – ma non quella di Best Picture.

Rosamund_Pike

Rosamund Pike, protagonista di Gone Girl

Non sono mancate le sorprese anche nelle categorie attoriali: Jennifer Aniston non ce l’ha fatta a conquistare un posto al sole per il ruolo nell’indipendente Cake. Il quinto posto è di Marion Cotillard per lo splendido film dei Dardenne Due giorni, una notte. Favorita assoluta come miglior attrice resta Julianne Moore per Still Alice. Nella categoria Best Actor, un Bradley Cooper in rimonta conquista la sua terza nomination attoriale consecutiva e la quarta, personale, come produttore di American Sniper. Affianca Benedict Cumberbatch, Eddie Redmayne, Michael Keaton di Birdman e Steve Carell. Tra le attrici non protagoniste, ennesima menzione per Meryl Streep ed esclusione inattesa di Jessica Chastain (A Most Violent Year) che lascia il posto a Laura Dern (Wild).

Bradley Cooper in American Sniper

Bradley Cooper in American Sniper

Clamorosa anche la mancata nomina di The Lego Movie tra i film di animazione. Niente Italia quest’anno. La partita del miglior film straniero se la giocheranno Ida per la Polonia, Storie pazzesche per l’Argentina, Leviathan (Russia), Timbuktu (Mauritania) e Tangerines (Estonia). Sarà Milena Canonero, ricordata per i costumi di Grand Budapest Hotel, a rappresentare i colori del nostro Paese.

L’appuntamento è per il 22 febbraio con la cerimonia condotta da Neil Patrick Harris.
Sul sito dell’Academy www.oscars.org è disponibile la lista completa delle nomination.

 

 

No comments

Leave a reply